Associazione Eimì Io sono. Nessuno escluso.

Associazione Eimì

Associazione Eimì - Associazione Eimì

Eimì è un'Associazione di Promozione Sociale, senza scopo di lucro, ideata e realizzata grazie alla passione di professioniste della relazione d'aiuto.

Scopo e oggetto sociale dell'APS è il rispetto per la totalità e unicità della Vita, incentivando una concenzione olistica dell'Essere Umano e la tolleranza quale confronto costruttivo fra culture e opinioni diverse.

Partendo dalla concezione greca dell’  “Io Sono”  come consapevolezza e dignità di esistere, tutti, nessuno escluso.La promozione sociale e il benessere del minore, delle donne e delle madri in difficoltà, del loro ambiente di vita in un’ottica che valorizzi le pari opportunità come sancite dalle Convenzione dei Diritti dell’Uomo (1948) e dalla Convenzione dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (1989).

L’attività dell’Associazione è quindi centrata sui diritti dei minori, delle donne e delle madri in difficoltà, con particolare attenzione ai migranti e agli stranieri. Focus dell’associazione è promuovere e sostenere le potenzialità del mondo dell’infanzia, dell’adolescenza, della genitorialità a rischio, delle pari opportunità, fare emergere i bisogni e sostenere gli stakeholder (famiglia, scuola, mass media, comunità, istituzioni) attraverso progetti, servizi e attività di educazione, sostegno terapeutico (in ambito pedagogico, psicologico, medico, artistico), formazione e consulenza.

Gli interventi sono rivolti a tutti gli iscritti all’associazione e all’intera collettività attraverso eventi di promozione sociale, co-progettazione di servizi spazi educativi e di aggregazione (anche sperimentali) per minori, donne, ragazze madri, genitori e famiglie, seminari, convegni, laboratori, workshop, progetti, servizi e consulenze a supporto di una crescita economica,sociale e culturale del territorio di riferimento.

Particolare attenzione è data ai contesti comunitari nell’ottica del dialogo tra culture nazionali, europee e internazionali.

 

 

 

 

Attività

Attività - Associazione Eimì

Percorsi educativi rivolti al servizio della solidarietà

Laboratori educativi socio-relazionali

Sostegno genitoriale

Tutela materna-infantile

Educazione al Bello

Percorsi di educazione ai sentimenti

Integrazione sociale di minori in stato di disagio socio-relazionale a rischio devianza

Adesione, realizzazione e promozione di formazione di iniziative sociali, culturali, educative ed artistiche (eventi, seminari, convegni, corsi, stage, laboratori di approfondimento, ecc.) a livello territoriale, nazionale ed internazionale

Orientamento lavorativo in collaborazione con enti del pubblico quali, a titolo esemplificativo, Ufficio Nazionale del Servizio Civile, università, uffici risorse umane, e del privato (stage di formazione-lavoro e borse lavoro)

Affidamento familiare dei minori e il sostegno delle famiglie affidatarie attraverso la formazione di una cultura di accoglienza e la sensibilizzazione dell’opinione pubblica al problema dei minori in difficoltà

Promozione di attività di educazione domestica, fisica e agraria

Realizzazione di spettacoli, mostre, presentazioni, stampa e pubblicazione giornali, collaborazioni con TV

Promozione di progetti e attività di ricerca e studio in Italia e all’estero per creare occasioni di scambi culturali (cooperazione, gemellaggi) ed artistici

Creazioni di gruppi di studio, informazione ed approfondimento che possano promuovere e divulgare gli scopi dell’associazione

Collaborazione con Pubbliche Amministrazioni, Istituti scolastici e universitari e Aziende proponendo ed organizzando momenti di confronto, consulenza e formazione, iniziative di carattere socio-educativo, socio-sanitario, culturale ed artistico

 Al via il Laboratorio estivo "UN MARE DI PAROLE": ARB-Eimì e Il Centro Affidi Distrettuale D26 insieme per la giusta integrazione.

 Il laboratorio viene attivato su richiesta delle famiglie affidatarie dei misna facenti parte il Centro Affidi Distrettuale D26. In accordo con la responsabile d.ssa Daniela De Salvo, il progetto è finalizzato al sostegno e al potenziamento delle conoscenze linguistiche, didattiche, relazionali e di integrazione sociale dei minori stranieri. “Un mare di parole”  prevede l’utilizzo di testi specifici per la prima alfabetizzazione e il consolidamento della lingua italiana per stranieri.  Il gruppo sarà coinvolto in attività creative a supporto della lingua attraverso, la “Kids Art” i ragazzi potranno esprimere le loro emozioni e i loro vissuti. Condotto da volontari esperti in integrazione sociale di minori stranieri non accompagnati, il laboratorio si svolgerà tutti i venerdì del mese di luglio dalle ore 17.00 alle ore 19.00.  Per info:  http://www.arbassociazioneculturale.it/ 

Centro affidi distrettuale Tel.0907723745

L'immagine può contenere: una o più persone

 

L'immagine può contenere: una o più persone

 L'immagine può contenere: una o più persone e persone sedute

Parole Chiave

Parole Chiave - Associazione Eimì

Il nostro cammino è guidato da 5 parole chiave:

 

ESSERE

Partendo dalla concezione greca dell'IO SONO come consapevolezza e dignità di esistere, tutti, nessuno escluso.

 

ASCOLTO

Ascoltare senza giudicare, favorendo l'apertura al dialogo.

 

ACCOGLIENZA

Nessuno è straniero. Promozione del dialogo e rispetto delle diverse opinioni e culture.

 

PROGETTUALITA'

L'Essere insieme al Sapere personale, deve trasformarsi in progetto e risorsa per la crescita dell'intera comunità.

 

EDUCARE

Educare è un'arte, l'arte del far nascere, simile al temine greco "maieutica". Educare è una scelta, non qualcosa di automatico o naturale. Il nostro compito è quello di aiutare il minore o l'adolescente a crescere, costruire valori, operare delle scelte, accompagnandolo verso l'autonomia.

 

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

Chi Siamo - Le Fondatrici

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, persona seduta e spazio al chiuso

PRESIDENTE

Dinah Caminiti

Laurea magistrale in Filosofia. Specialista degli interventi educativi e formativi rivolti a bambini, adolescenti e famiglie. Consulente tecnico in materia di: separazione, divorzio e affidamento di minori; mediazione familiare e interculturale. Esperta in pedagogia giuridica, minori devianti, msna, adozione e  affido. Socia straordinaria elenco professionale nazionale A.N.I.PED. (Associazione Nazionale Italiana Dei Pedagogisti)  n. AA-026. Autrice del libro di favole interculturali per bambini "Storie e storielle, intrighi e magie di Signora Accoglienza".

Il suo motto è: "I have a dream" di Martin Luther King.

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso

 

VICE PRESIDENTE

Mariateresa Caminiti

Laurea in SEF (Scienze dell'Educazione Formazione) CL.18, educatrice professionale, esperta in Pedagogia steineriana e montessoriana, diritto dell'immigrazione, inserimento sociale e scolastico di minori stranieri e misna. Specialista in elaborazione di PEI (Piani Educativi Individualizzati) PDP (Piani Didattici Personalizzati) BES (Bisogni Educativi Speciali); tecniche di attaccamento Mamma-Bambino; metodologie e tecniche del gioco.

Il suo motto è : "Vola solo chi osa farlo" di Luis Sepulveda.  

 

 

 

 

 

Sostengono Eimì...

Sostengono Eimì... - Associazione Eimì

 

 Il Maestro messinese Fabio Pilato, con la mostra itinerante "Il Museo del Mare", che sostiene progetti di vita in favore dei Minori stranieri Non Accompagnati che giungono nelle nostre coste. Il Museo partito dal Liceo Artistico "E. Basile" di Messina ha proseguito il suo viaggio ad agosto presso la cornice straordinaria del Castello di Milazzo con una raccolta fondi che ha permesso l'attivazione anche invernale del progetto di Eimì "Un mare di parole".

Fabio Pilato è Artista del Ferro a Messina riconosciuto a livello internazionale. Nel suo Laboratorio, in c.da Pomarelle a Faro Superiore, realizza le sue opere ispirate soprattutto al mare, seguendo i dettami dell'Antica Forgiatura. Le sue Sculture in Ferro sono state esposte in Esposizioni d'Arte e Mostre ed hanno incontrato il favore della critica. Tra le sue opere, Il Fenicottero, L'Ombra del Postino e Dal Dito Opposto alla Mano Bionica.  Fabio Pilato ha realizzato nella sua carriera artistica oggetti unici, che si caratterizzano per solidità, raffinatezza e sinuosità estetica di linee e forme. Le sue Sculture in Ferro sono state negli anni protagoniste di eventi e concorsi, tra cui la Competizione europea di Fabbri D'Arte svoltasi a San Marco D'Alunzio nel 2011, in cui l'artista grazie al suo "Fenicottero" si è attestato primo fra tutti i 60 artisti partecipanti, provenienti da ogni parte d'Europa. Una tecnica la sua che ha radici profonde e antiche ma che prende spunto da temi contemporanei e da una ricerca della materia e della forma continua e appassionata. E' proprio questo fascino futuristico e contemporaneo che ha dato vita a Dal Dito Opposto alla Mano Bionica, opera presentata al campionato del mondo biennale del 2011 svoltosi in provincia di Arezzo e che negli anni successivi ebbe una notevole risonanza grazie alle recensioni pubblicate sulla prestigiosa rivista HEPAISTOS. Figlio della terra sicula, in particolare della città di Messina, Fabio Pilato dopo una parentesi da commerciante ha deciso di sviluppare pienamente la sua passione per la forgiatura del ferro all'interno del suo Laboratorio, creando opere d'arte e Sculture in Ferro. Oggi socio dell'Associazione Fabbri D'Arte, che raccoglie artisti da tutta l'Europa, Fabio Pilato ha dato espressione della sua filosofia anche in onore del grande artista italiano Massimo Troisi, a cui ha dedicato una scultura dal titolo "L'Ombra del Postino". L'opera è stata realizzata proprio in occasione della cerimonia in omaggio dell'attore napoletano a cui l'isola di Salina ha dedicato una via di Pollara, frazione di Malfa resa celebre dal film Il Postino, vincitore del Premio Oscar in cui Troisi è stato protagonista e interprete magistrale. Fabio Pilato a Messina non lesina la sua partecipazione a numerosi eventi di carattere culturale e sociale, in collaborazione con il Comune di Messina e Associazioni della città dello stretto. Ancora oggi in via L.go San Giacomo è esposta una sua opera dal titolo Il Passaggio dell'Angelo, realizzata nel 2010 nell'ambito del progetto comunale Il Natale degli Angeli.

 

 

Tony Canto, nato a Messina, chitarrista, cantautore e produttore, si diploma al CPM con Franco Mussida (PFM) e intraprende una brillante carriera caratterizzata da scelte artistiche ben precise. Come  cantautore pubblica tre album: “Il Visionario” del 2007, “La Strada” del 2009 e “Italiano Federale” del 2011 (Leave /Unuiversal).
Quest’ultimo prodotto discografico, vede protagonista Tony di un’importante promozione sia live che televisiva, tra cui la partecipazione al programma di RAI TRE
“Parla con me” di Serena Dandini, che da il via ad un importante tour in tutta Italia.

Il concerto tratto dall’omonimo disco prodotto da Leave music e distribuito da Universal Music ripercorre gli intensi anni di carriera di Tony. Il suo è uno spettacolo in cui ritmo, eleganza, leggerezza e cultura si fondono insieme, un ponte ideale tra la musica siciliana e quella brasiliana. La sua formazione artistico – personale deriva dall’incontro con il mondo della bossa nova di Joao Gilberto in tutte le sue evoluzioni e dalle sonorità di Caetano Veloso. Il suo imprinting e’ marcatamente brasiliano sebbene la sicilianità da subito venga fuori e si misceli con la matrice tropicalista.

Una musica colta e ricca di contenuti ma popolare per immediatezza e comunicativa dei testi. Come chitarrista dal ‘96 incide praticamente tutti gli album di Mario Venuti, inoltre incide e suona  anche con Patrizia Laquidara, per la quale è autore e compositore di 10 brani contenuti nei suoi 2 ultimi album, così come ha collaborato con Joe Barbieri, Mannarino, Mario Incudine, Syria, Pilar e con Bungaro scrive il brano “Dimentichiamoci” cantato da Bungaro in duetto con Paola Cortellesi. Alcune session lo portano a New York sotto la guida di Arto Linday, i tour mondiali in cui ha suonato lo hanno portato negli Stati Uniti,  in Sud America, in Cina e in Africa, arricchedolo  umanamente e professionalmente.

Nel 2013 arrangia e partecipa al tour “corde” del cantautore Mannarino insieme a Fausto Mesolella (Avion travel) e Alessandro Chimienti.il live è definito da Repubblica il più bello del 2013.

Si occupa di musiche per cinema collaborando con Paolo Buonvino nelle colonne sonore di vari film tra cui “Manuale D’Amore”, “La Matassa”, “La Vita come viene” e “Benur” di recente produzione le cui musiche sono di Nicola Piovani. Per “Benur” scrive ”Ti amo Italia” che e’ parte della colonna sonora e con questa vince il Premio Mario Camerini 2013 come miglior canzone su film italiano. Inoltre, le sue musiche sono presenti nella serie web “il signor nessuno” di Francesco Felli.

Lavora col teatro componendo musiche per 2 commedie: “Lavori in corso” di Claudio Fava per la regia di Ninni Bruschetta e “L’ufficio”.

E’ ideatore dello spettacolo “Malarazza – Omaggio alla Sicilia di Domenico Modugno”, di cui è PARTE integrante insieme a Mario Incudine e Kaballa, progetto che vede sul palco per la prima volta insieme i 3 cantautori siciliani, diversi per storia artistica e caratteristiche vocali, ma uniti in questo originale progetto dall’amore per l’isola e dalla comune forza interpretativa.

Come produttore  arrangia e produce con grande successo tutti e tre gli album(Bar della Rabbia, Supersantos e Al Monte) del cantautore romano Mannarino.
Produce con Arancia Sonora l’album “Magneti” di Mario Venuti, e ancora “Sartoria italiana fuori catalogo” della cantautrice romana Pilar, e “Per fortuna dormo poco” del cantautore romano Tommaso di Giulio,produce anche il singolo “Fammi dormire” 2013 del cantante Matteo Becucci.

Il 6 Settembre 2013 esce il suo nuovo singolo “Poco Poco” e, il 3 ottobre 2013, è ospite al Premio Tenco 2013 per la “Rassegna della canzone d’autore”, nel prestigioso spazio del Teatro del Casinò di Sanremo.

Autore della splendida poesia in musica "A mare si gioca" interpretata a sanremo da Nino Frassica.

  

La pittoscultrice messinese Mamy Costa che ha donato all'associazione una bellissima opera sulle migrazioni. Mamy Costa vive e lavora a Messina. Autodidatta ha esposto sia in Italia che all'estero. Molte le sue mostre sia collettive che personali tenute a : Messina, , Taormina, Siracusa, Reggio Calabria presso Accademia delle Belle arti, Pisa, Torino, Milano,Cagliari, Pordenone Fiera con Artestruttura, New York Expo, Montecarlo presso Hotel de la ville, Cartagena su invito delle autorità locali al Museo Archeologico, Malta Castello Selmun, Salsomaggiore, S. Alessio Siculo a Villa Genovesi, Milazzo, S. Lucia del Mela, Catania, Trapani, Roma, Londra ArtExpo presso Pall Mall, Verona alla Biennale della Creatività, Palermo alla Biennale di Palermo 2015, al Castello di Spatafora alla Contemporary Art in Sicilia, Lucca Riarteco esposizione sul riciclo, Genova Riarteco, Noto ,Cerveteri. Molti i premi ed i riconoscimenti, a Giugno 2015 le è stato conferito il Premio Internazionale Mazzullo, nella splendida cornice di Palazzo Duchi di Santo Stefano e a Dicembre scorso presso il Convitto Ragusa, a Noto le è stato consegnato il Premio Internazionale UNESCO, importante anche il Premio Internazionale Cartagine conferitole dalle autorità locali di Valencia Spagna. Le sue mostre hanno avuto sempre successo di pubblico e di critica. E' annoverata in diversi cataloghi d'arte come L’Elite, Avanguardie Artistiche , Grandi Maestri e molti giornali specialistici si sono occupati di Lei come Senza Titolo , Arte, Boè, Effetto Arte e poi La Sicilia, La Gazzetta del Sud, Corriere del Mezzogiorno, Centonove, Affari, L’Altro Giornale, Peloro 2000, Tutto Sud, L’Opinion de Cartagena, El Faro de Cartagena,Il Convivio, Inernational Artexpo di New York, L’Attualità. Molti i critici che hanno scritto di Lei. Prossimamente la vedremo impegnata in diversi progetti che la porteranno all'estero.

 

 Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 L'Associazione Culturale ARB che grazie alla sensibilità del Presidente, Davide Liotta, riserva gratuitamente posti per la formazione ai giovani migranti accolti in famiglia e non http://www.arbassociazioneculturale.it/    

L’Associazione Culturale ARB nasce a Messina, nel settembre 2016, in pieno centro storico, con l’intento di donare alla città dello Stretto “una scatola magica, un luogo fisico dove si stimola l'aggregazione la riflessione e la condivisione.”

ARB mostre ed esposizioni, presentazioni di libri, proiezioni di film e cortometraggi, spettacoli teatrali e musicali, corsi di lingue, workshop su tematiche sociali, artistiche e letterarie. Ha riscontrato un ottimo successo il percorso formativo  denominato “La formazione va in scena” che intende offrire l’opportunità ad addetti ai lavori e non, di arricchire la propria esperienza formativa, di acquisire nozioni necessarie per la propria crescita professionale, di favorire il confronto con se stessi e con gli altri, di approdare ad una più profonda conoscenza di sé superando inibizioni, tensioni e costrizioni, di esplorare le proprie potenzialità dando sfogo alla creatività attraverso la parola, il linguaggio del corpo, la melodia.

ARB promuove inoltre la scoperta delle bellezze artistiche della città di Messina attraverso il progetto “Messina città che parla”. Passeggiate guidate da uno storico dell’arte che consentono di percepire il filo conduttore che dalla città fondata dai greci 2700 anni fa arriva fino alla “città nuova” ricostruita dopo il terremoto del 1908.  

L’associazione è molto attiva nel sostegno delle campagne di sensibilizzazione alle tematiche della solidarietà. Dal 1 aprile 2017  l’associazione culturale ARB occupa un posto per le donne vittime di violenza aderendo alla campagna “Posto occupato”, impegno collettivo contro il femminicidio.

Nessun testo alternativo automatico disponibile. 

La Cooperativa Sinfonietta Messina nasce dall'incontro di sei professionisti del mondo musicale messinese. Percorsi diversi e paralleli si uniscono in nome di una progettualità colma di passione, competenza e dedizione nei confronti delle arti. Obiettivo principale della Cooperativa è la produzione di iniziative, eventi e format culturali sul territorio cittadino come su quello internazionale. La Cooperativa intende rappresentare un punto di riferimento nuovo e solido per la città, associando produzione e divulgazione e coinvolgendo nuovi pubblici nelle attività musicali che verranno proposte. I musicisti ospitano e sostengono iprogetti di Eimì durante molti dei loro concerti.  Sinfonietta Messina è: Melo Mafali, Alessandro Blanco, Giovanni Alibrandi, Antonino Cicero, Giancarlo Parisi, Flavio Gullotta, Giuseppe Corpina.